- A volte la gente per strada mi dice:” Hei, ma tu sei glovo!”

In fondo si, sono io, mi sono messo davvero a nudo, è stato un pezzo scritto in pochissimi minuti che arriva al punto subito, ordino, mangio, butto il packaging

ma “ancora non credo di volere buttare te”.

Glovo è una storia d’amore, una storia di cibo che a volte consola -

Eugenio Campagna, in arte Comete, è nato a Roma nel 1991. Appassionato di musica fin da bambino, ha iniziato da ragazzo a scrivere canzoni e poi ad esibirsi come artista di strada e nei locali della sua città. Il suo nome d’arte è la sua poetica: “Come te”, è l’esigenza di scrivere le sue storie che poi sono le storie di tutti. Per questo Eugenio definisce il suo genere “Real pop”, parlare del reale. 

“Glovo” è il primo brano ad aver presentato COMETE al grande pubblico, riuscendo a lasciare un ricordo indelebile nella mente delle persone. La canzone immortala quella scia temporale ed emotiva che porta alla fine di una storia d’amore non ancora conclusa: quella sensazione di sospensione, di solitudine, di incertezza vissuta da una coppia che si sta separando, che vorrebbe guardarsi con lo stesso sguardo di prima senza riuscirci, affannandosi nella ricerca di una soluzione peggiorando le cose.