Il brano parla di risveglio, di voglia di cambiare e lasciarsi andare a nuove sensazioni dopo una relazione abbandonata a metà, e di tutti i pensieri e “film mentali” che si protraggono assieme ai se e ai forse.

Le atmosfere ricordano la magia degli ultimi giorni d'estate, laddove la voglia di godere ogni ultimo istante della stagione si mischia col desiderio di ricominciare e rinnovarsi. E' un pezzo dal sapore pop-funk e con richiami al sound elegante della disco anni ’90. Il titolo “LANTHIMOS” assume un doppio significato: un suono esotico, quasi da isola greca che si associa bene al mood sonoro del brano, ma con il riferimento a Yorgos Lanthimos, regista famoso per i suoi film particolarmente criptici come “The Lobster”, criptici come quelle storie d’amore sospese che ci capita, forse sempre più spesso, di vivere.

“LANTHIMOS” anticipa l’album d’esordio di Delmoro su Carosello Records.

Quello di Delmoro si impone come un suono unico e molto personale nel panorama contemporaneo della musica italiana, figlio di esperienze e viaggi intorno al mondo. Musicista, e ancor prima architetto, nei suoi brani l’amore per il pop italiano (da Dalla ad Alan Sorrenti passando per Fossati) incontra quello per la disco più elegante e sensuale. L’architettura e il design colorano il suo gusto estetico, che emerge con forza nelle diverse declinazioni (artwork, foto e video) del suo profilo. Dopo un ep d’esordio con Carosello Records (“Balìa”, 2019) è pronto al debutto sulla lunga distanza con un nuovo album, anticipato dal singolo “Lanthimos”.