Il flow e la fragilità di Eda Marì ci portano nell’intimità della sua storia, con il suo “Male” si fa portavoce del mostro della violenza che ancora oggi continua a colpire moltissime persone.