03 febbraio 2020

Tecla Insolia è la concorrente più giovane di questo settantesimo Festival di Sanremo.

Originaria di Varese, ma cresciuta a Piombino, la sedicenne ha dimostrato interesse verso le arti sin da bambina, sia verso il canto sia verso la recitazione.

Tecla Insolia nel 2016 si classifica terza nel programma di Canale 5 Pequeños Gigantes, mentre parallelamente appare sui piccoli schermi nel ruolo di attrice nelle fiction Rai L’Allieva 2 e sarà nel cast della fiction Rai Vite in Fuga.

Nel 2019 vince Sanremo Young, condotto da Antonella Clerici, guadagnandosi così l’accesso diretto alla sezione Nuove proposte di Sanremo 2020, dove concorrerà con il brano 8 marzo.

Ospite in Zetagram ci ha raccontato la sua canzone.

" È un brano che parla della forza della donna, non ha bisogno di molte spiegazioni, si racconta da solo e si capisce ascoltandolo. Non è un brano che parla di violenza ma della forza femminile e vorrei che un giorno diventasse un inno."

- Torni a Saremo, dopo l'esperienza di Sanremo Young, ti senti più forte rispetto agli altri?

"Tutti dicono che sono favorita in questo perché conosco già il palco ma in realtà non è vero. E'diverso, l'emozione e sempre nuova, la competizione pure."

Il brano è stato prodotto da Diego Calvetti e scritto da Piero Romitelli e Rori Di Benedetto.




Tecla a Radio Zeta

Riascolta Tecla ospite in “Zetagram" con Jessica Brugali, Davide Damiani e Federico Pecchia.