Giada Pari

Giada Pari

Giada Pari

Fermamente convinta di essere l’anello di congiunzione tra Anna Karenina e Carrie Bradshaw, la sua vita è stata caratterizzata da diversi cambi di scena e pochi d’abito.
Da Rimini si trasferisce a Milano, dove si laurea in Filologia e letteratura italiana decidendo poi di mettere a frutto “anni di studio matto e disperatissimo" nel posto meno appropriato: Londra. Lì vive per circa due anni e tra un porridge e un fish and chips si dedica al teatro, portando in scena spettacoli e insegnandolo ai ragazzi.
Ama il profumo del mare d’inverno, le persone ironiche, la parola rododendro, i gelsomini di maggio, la sabbia fredda nelle notti d’estate, il rumore lento e impietoso del sipario che si apre e che somiglia da molto vicino alla luce rossa del microfono che si accende.
A sei anni credeva nelle favole (forse tutt’ora!). Si divertiva a dedicare canzoni, che poi presentava e cantava per la gioia dei presenti. A venticinque ha capito che lo avrebbe potuto fare sul serio. Muove i primi passi in una emittente romagnola, Radio Gamma, nelle vesti di una discutibile stagista spagnola, poi Dimensione Suono Roma, un passaggio da Subasio e il felice approdo nella grande famiglia di Radio Zeta dove ora conduce il "Buongiorno di Zeta" il sabato e la domenica dalle 06.00 alle 09.00.


In onda in:

Il buongiorno di Zeta (weekend)

Il buongiorno di Zeta (weekend)

Sabato e domenica dalle 6 alle 9